MASCHERA DI CERA: NEW ALBUM’S DIARY – PART 7

Di Mau Di Tollo

Se registrare delle batterie in piena estate è particolarmente duro, non vi dico cosa è stato registrare le percussioni, in particolar modo le congas, ieri sera durante il turno dedicato agli abbellimenti ritmici del nuovo disco della Maschera Di Cera.

Ho un immagine di me stesso abbastanza nitida, mentre picchio velocemente le congas in una sala che sembra un forno a microonde. Del resto, in una sala di ripresa non troverete mai un condizionatore d’aria, i motivi sono fin troppo chiari. E così, mentre percuoto pelli cercando il giusto “mood” e, contemporaneamente, sudando come un invasato, nella cabina di regia i signori Rox VillaFabio Zuffanti e la signorina Ksenja Laginja si godono i 18 gradi generosamente offerti dalla ditta. Li guardo con l’odio che mi svetta dagli occhi! Ma del resto, il lavoro del batteraio percussionante è duro e ingeneroso, altro che sesso, droga e rock’n’roll…

Congas, Spring Drums, Chimes, Chiavi, Rullanti militari, ovetti, shaker, tamburelli, timpani, campanelli e legnetti: tutto l’armamentario da me utilizzato in toto solo con Francesco Baccini, nel Tour del 2006, viene utilizzato per rendere ancora più efficaci le dinamiche di questo disco, che sta diventando un opera monumentale. E’ incredibile come da un demo, scoordinato e lacunoso come il nostro (come tutti i demo), nasca un lavoro che mette i brividi innanzi tutto a noi che lo stiamo partorendo, nella speranza che chi lo ascolterà ne rimanga ammaliato. Quando lavori in pre produzione, crei uno scheletro di quello che poi sarà il tuo disco, nella testa hai già bene in mente come poi verranno valorizzati certi arrangiamenti e alcuni momenti topici. Ma quanto tutto questo esce dalla tua mente per diventare “materia viva” che s’insinua nelle orecchie, stenti a crederci. Sta di fatto che, dopo litri di sudore e un bel po’ di risate (l’atmosfera in studio è sempre allegra e rilassata), la mia opera ritmica all’interno del nuovo album mascherato è terminata. Lo strascico di questa notte percussiva me lo porterò dietro per tutta la giornata. Infatti, sono fisicamente a pezzi…ma ne è valsa la pena!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...